ENSEMBLE  PROGETTI  AGENDA  DISCOGRAFIA   MEDIACONTATTI     

 

 

 

PROGETTI e PROGRAMMI

LAUDE, BALLATE, SALTARELLI & VILLANELLE
Tradizione scritta e tradizione orale tra Medioevo e Rinascimento

8/9 esecutori

Il concerto debutta nel 2003 al Festival Internazionale di Musica Medievale di Erice, nel corso degli anni l'ensemble lo replica in molte altre occasioni per importanti Enti italiani e nel 2013 il progetto si concretizza in un CD prodotto dalla Tactus che ha ricevuto molti apprezzamenti.  Aquila Altera  ha realizzato in questo lavoro un particolare percorso musicale che accosta la musica di tradizione colta, dunque scritta, alla musica che deve la propria esistenza alla forma di trasmissione orale. Una ricerca che accosta quindi i due repertori cercando di mettere in luce la possibilità di un eventuale rapporto sotto il profilo non solo musicale ma anche testuale. Il repertorio proposto, interamente italiano, vede l'accostamento di brani provenienti da manoscritti e raccolte a stampa, risalenti ad un periodo compreso tra il XIII e il XVI secolo, a musiche e prassi esecutive che possono essere ricondotte a modalità di tradizione orale e all'uso di strumenti musicali della tradizione italiana, oltre a quelli più comuni, ricostruiti sulla base delle fonti storiche, sui quali primeggia per presenza e rilevanza musicale la zampogna.

 

DANTE & Co.
il sommo poeta…serio ma non troppo

5 musicisti e 2 voci recitanti

La figura di Dante Alighieri, la sua personalità e la sua opera vengono sempre narrate, immaginate e delineate mettendone in risalto la serietà e l’austerità, poco si lascia trapelare della giovinezza e degli aspetti meno accademici della sua vita. Le rappresentazione pittoriche che ritraggono Dante, come quella realizzata da Raffaello nella Disputa del Sacramento in Vaticano, hanno inoltre contribuito non poco a tramandare un’immagine seria ed autorevole del sommo poeta. Tali raffigurazioni poco lasciano trasparire dell’aspetto più leggero e giocoso che invece emerge nella tenzone con il fiorentino Forese Donati, cugino della moglie di Dante, Gemma Donati. Tra il 1293 ed il 1296, infatti, i due amici si sfidano in una tenzone composta da sei sonetti tre per ciascun poeta, in cui, a suon di rime, duellano a suon di pesanti commenti ed allusioni.
Il testo di "Dante & Co." vuole quindi rappresentare un viaggio tra le molteplici identità letterarie del sommo poeta. L'apertura e la chiusura, dedicati alla commedia che Boccaccio definì Divina, sono un esercizio di stile in romanesco e funzionano quali parentesi a racchiudere il Dante poeta d'amore de "La vita nova", il toscanaccio de "La tenzone con Forese", il colto intellettuale che si intratteneva con l'amico Guinizelli nei carteggi a noi pervenuti.  Lo spettacolo esplora l’universo dantesco in fusione sinergica con la musica che, con brani di codici ed autori del repertorio medievale, accompagna ed intervalla il recitato, rendendolo un unicum rappresentativo di una intera epoca e di un artista più che mai attuale.

 

DOLCE VERGINE MARIA
il culto mariano tra Medioevo e Rinascimento

6/7 esecutori

Il programma sviluppa, a partire dall'inno Ave Maris stella risalente all'XI secolo, un viaggio intorno al culto e alla devozione allaVergine Maria. Il concerto presenta brani tratti dai codici più mportanti del Medioevo composti in lode della Madonna tra cui il  Laudario di Cortona, le Cantigas de Santa Maria ed il Llibre Vermell de Montserrat monumenti della musica medievale  fino a giungere alle laude polifoniche rinascimentali di Serafino Razzi, Francesco Soto e Giovanni Animuccia.

 

PARADIGMA MEDIOEVO

 

7/8 esecutori

Il concerto Paradigma Medioevo si propone di mettere in evidenza la vivacità culturale e creativa del panorama musicale medievale italiano tra XIV e XV secolo. Troppo spesso si tende a non tenere in considerazione come, nell’età medievale, le connessioni culturali fossero intense e molteplici, specchio di una società che non era autoreferenziale e chiusa in sé stessa, ma che aveva invece un forte senso di relazione e di scambio. Il programma presenta oltre ad autori di cui conosciamo la vita e le opere ma anche composizioni di anonimi musicisti dei quali, purtroppo, ci sono state tramandate le musiche ma non i nomi, ma che tanto hanno contribuito a rendere così ricco il patrimonio musicale del Medioevo. Tra i musicisti e i codici in programma sono presenti Francesco Landini, Antonio Zacara da Teramo, Andrea da Firenze e gli anonimi musicisti dei codici Rossi, Squarcialupi, di Londra e di Faenza.

 

LAUDAR VOLLIO PER AMORE
Francesco raccontato con le parole e la musica del suo tempo

5 musicisti e una voce recitante

Lo spettacolo,  "LAUDAR VOLLIO PER AMORE, Francesco raccontato con le parole e la musica del suo tempo,"   nasce come un "viaggio" sonoro attorno alla figura di S. Francesco che non vuole ripercorrere cronologicamente la sua vita, ma cerca di rievocare attraverso le sue parole e quelli dei biografi a lui contemporanei, o di poco successivi, l'atmosfera che si respirava in quegli anni, sottolineate e commentate attraverso una scelta di musiche significative sia per il periodo storico che per gli argomenti trattati. Tra i testi e le musiche scelte il concerto presenta il Testamento  e la lauda di Jacopone da Todi "O Francesco da Deo amato" di S. Francesco e le laude del laudario di Cortona dedicate al Santo. 
Lo spettacolo ha debuttato nel 2000 al Festival Internazionale del Teatro Medievale di Anagni

 

AVE NOBILIS


incontri e racconti lungo le vie del Medioevo

 

4/5 esecutori

 

 

Le vie del medioevo erano ben più animate di quello che generalmente si pensa. Pellegrini, crociati, mercanti,  clerici e molti altri ancora, si spostavano per raggiungere differenti luoghi; santuari, corti, monasteri e città queste erano le mete designate. Il concerto vuole ripercorrere attraverso la musica i luoghi che un viaggiatore medievale sulla sua strada e nei quali trovare rifugio. Il programma quindi presenta brani del XIII e XIV secolo, sia sacri che profani, che meglio rivelano questi differenti aspetti della cultura medievale. Musica di corte e musica sacra, danze strumentali e canzoni d'amore possono rivelare non solo il linguaggio musicale del medioevo, ma anche elementi della vita quotidiana dell'uomo del tempo.

 

L' AMORE A MME VENENDO
Il Quattrocento sacro in Abruzzo

10/14 esecutori

L'Abruzzo,  nel  Medioevo e nel  Rinascimento,  fu  uno dei  luoghi tra  i più fecondi nell’ambito della storia  musicale e culturale italiana. Infatti l'Abruzzo fu tutt'altro che una terra periferica o isolata e il concerto vede protagonisti codici e musicisti abruzzesi che operarono in Abruzzo e nelle numerose corti italiane influenzando la musica del periodo. Una conferma dell’ importanza della musica abruzzese nell’antichità ci viene dai Corali di Guardiagrele, che conservano rare polifonie sacre del primo Quattrocento. Tra l'altro hanno tramandato un interessante esempio di contrafactum di una tra le composizioni più conosciute di Francesco Landini, la ballata Questa fanciull' Amor, per intonare l'Agnus Dei. Non possiamo poi sottovalutare un altro polo che dovette essere particolarmente importante in Abruzzo durante il ’400, quello della città di Ortona: il manoscritto G 20 della Biblioteca Comunale di Perugia, un codice di provenienza probabilmente francescana e vicino al repertorio internazionale della corte aragonese, contiene infatti alcuni unica di Aedvardus de Ortona.

 


          2014, Aquila Altera ensemble. All rights reserved